Pagine

lunedì 10 giugno 2013

L'inglese necessario: lo IELTS -Parte 1-



Quando parliamo di immigrazione e lavoro in Canada, dobbiamo ricordarci sempre che le lingue ufficiali sono due: l'inglese e il francese. Quest'ultima è parlato quasi esclusivamente in Quebec dove, peraltro, esiste anche l'inglese (sono realmente bilingui), mentre nel resto del Canada parlano l'inglese.

Niente italiano, quindi. Nè spagnolo o portoghese, lingue latine più assonanti e simili alla nostra.

Se quindi non volete fare i baristi nell'ennesimo ristorantino o café italiano, dovreste imparare l'inglese.

Purtroppo non basta impararlo là, dovremmo saperlo prima di partire, poiché sia i documenti per immigrare richiedono il nostro livello di inglese (o francese), sia perché per esercitare la professione, verrà richiesto un livello di inglese molto alto.
Ma quanto inglese dobbiamo sapere, e quale?
Alla seconda domanda è facile da rispondere: qualunque tipo di accento va bene, sia british, sia americano, sia australiano. Non conta, quindi dove o come lo imparerete. I canadesi parlano un inglese molto comprensibile, smooth, leggero senza particolari accenti e inflessioni (almeno nelle principali città).

Quanto ne dobbiamo sapere? Se fosse esprimibile in kg, direi una tonnellata. La mia piccola esperienza mi ha fatto ricredere sulla nostra autovalutazione e preparazione italiana. Purtroppo, la nostra preparazione media in fatto di lingue è insufficiente.

Ma insufficiente per cosa? 

Innanzitutto per poter fare domanda (application) e/o per prendere un buon punteggio al test.
Il test in questione è lo IELTS che risulta l'unico test internazionale riconosciuto (insieme ad un altro paio specificatamente canadesi).

Quindi, potreste stracciare il vostri First Certificate, i vostri attestati di frequenza a corsi e scuole estive, il vostro 8 preso a inglese alle superiori.

Lo IELTS è un mostro che ci aspetta e che potremmo battere soltanto se sappiamo come funziona.

In attesa del prossimo post, dategli un'occhiata nella sua tana: www.ielts.org.

Nessun commento:

Posta un commento

Posta un commento